Blossom tea: il tè che sboccia

pubblicato in: Asia, | 5

Avete mai sentito parlare del Blossom Tea? Viene anche chiamato Flowering Tea, il nome dovrebbe già lasciare spazio ad una certa immaginazione, la traduzione letterale è infatti “il tè che sboccia“.

Se da una parte la provenienza di questo tè è indubbiamente cinese, la sua nascita temporale è invece controversa: alcuni affermano infatti che sia un’invenzione degli anni 80 del novecento, altri sostengono d’altro canto che esistesse già 200 anni fa, seppure in una versione più elementare.

Come la maggioranza dei tè cinesi, il Blossom Tea da noi è poco conosciuto e, forse proprio per questo, ha un gran fascino.

Il Blossom Tea in infusione – Martina Ricciardiello

Il Blossom Tea è composto da foglie di té essiccate e fasciate attorno a uno o più fiori secchi. Il procedimento di assemblazione viene effettuato a mano e può donare svariate forme: palline, funghetti, proiettili, ecc.

Ma il vero spettacolo comincia quando la “pallina” viene immersa nell’acqua calda, nella quale pian piano si le foglie di tè si aprono, ricordando un fiore che sboccia. Per poter osservare questo spettacolo al meglio è bene usare una teiera, o quanto meno una tazza, trasparente.

A seconda del fiore posto all’interno della pallina, una volta temrinato di sbocciare, il nostro tè ci regalerà colori e forme diverse; tra i fiori più usati ci sono: amaranto, crisantemo, gelsomino, giglio, ibisco e osmanto.

Vari tipi di Blossom Tea – Aliexpress

Il tè può essere riusato anche due o tre volte senza che assuma un gusto amaro, basterà semplicemente aggiungervi dell’acqua calda.

Ho qui davanti a me una mega confezione di Blossom Tea al gelsomino, appena arrivata dalla Cina, mi è bastato aprirla e aspirare il dolce profumo per sentire la pace dei sensi. Nel video qui sotto potete vedere come l’ho preparato, ed ora vado a sorseggiarlo!

Se vi interessa l’argomento, ecco altri post che fanno al caso vostro:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Tè marocchino: la ricetta per gustarlo a casa vostra

5 Risposte

  1. Io l’ho provato in una sala da tè a Roma. http://blog.zingarate.com/mondovagando/gran-caffe-la-caffettiera/
    Oltre ad essere buono, è anche divertente e particolare osservare il fiore sbocciare nell’acqua!

    • martyardiello

      Caspita, a me in Italia è capitato di trovarlo solo alle terme di Pré Saint Didier!

Lascia una risposta