Souvenir dall’Indonesia

pubblicato in: Asia, Home decor | 9

l souvenir che avrei voluto portare a casa dall’Indonesia sono davvero tantissimi ma, sulla base del budget e del posto nella valigia, ho dovuto fare una selezione. In questo post vi racconto cosa ho comprato per me e cosa come regalino per amici e parenti.

Batik

Come avrei potuto tornare dall’Indonesia senza neanche un Batik? Ne abbiamo acquistati due in una scuola di Yogyakarta. Di uno mi sono innamorata a prima vista (lo potete vedere qui) e dell’altro, in seta, non ero invece molto convinta: mi piacevano tantissimo i colori ma avevo già a casa un altro Batik cinese con rappresentati dei draghi. A mio marito però piaceva molto, e in più l’artista, un mezzo pazzo come ogni artista, ci ha fatto un super prezzo e ci ha raccontato di avere ideato quel Batik dopo una notte d’estasi con sua moglie. Così mi sono lasciata convincere e quando l’abbiamo appeso nella nostra camera da letto mi sono davvero ricreduta: ha dato un tocco di colore alla stanza.

Al Bering Harjo, il mercato coperto di Yogyakarta, abbiamo acquistato un’altra stoffa, sempre in seta decorata con la tecnica del Batik, dalla quale abbiamo ricavato poi tre sciarpine da regalare. Trovarla in seta è stato difficile perché avevano quasi solo cotone, e credetemi quel mercato era davvero pieno di cose, ma poi a forza di chiedere e a farci spedire da una bancarella all’altra ce l’abbiamo fatta. Contrattando l’abbiamo acquistata ad un prezzo super basso! Tanto che ci siamo pentiti di non averne acquistate altre.

IMG_6342
Batik in seta che ho comprato – Martina Ricciardiello

Cibo

Sempre al mercato di Yogyakarta abbiamo preso delle spezie: pepe e corteccia al sapore di lemongrass. Avremmo voluto acquistare direttamente il lemograss, che gli indonesiani mettono quasi in ogni pietanza, ma va consumato fresco, così ci hanno consigliato questa corteccia che ha un aroma simile.

In centro a Yogyakarta abbiamo preso il caffè più buono e più caro al mondo, il Kopi Luwak, la cui storia vi racconterò in un prossimo post.

Nei pressi di Ubud invece, dopo una degustazione al Bali Pulina (posto fantastico), abbiamo preso tè allo zenzero e caffè allo zenzero.

Infine, in un mini market di Sanur abbiamo preso una confezione di zucchero di palma, davvero buonissimo!

bali-pulina
Degustazione di caffè al Bali Pulina – BaliGo

Oggetti d’artigianato

Gli oggettini d’artigianato in Indonesia sono tantissimi. Noi abbiamo preso tre statuette in pietra lavica, la stessa usata per costruire il Borobudur, rappresentanti, Buddha, la testa di Buddha e Ganesh.

In un coffee bar di Yogyakarta abbiamo trovato un taccuino lavorato a mano con carta riciclata e ricoperto con stoffa decorata a Batik e due anelli ricavati da conchiglie.

A Nusa Lembongan poi, isoletta ad est di Bali, abbiamo preso tre piccole maschere in legno, uguali ma in colori diversi, che sono uno degli oggetti centrali dell’artigianato artistico della zona. Nello stesso negozietto abbiamo acquistato un set di incensi con sei aromi differenti.

Infine, al mercato di Ubud ho preso un vestito in seta con fantasie e colori decisamente indonesiani, la scelta è stata ardua perché ce n’erano tantissimi.

P1110596
Maschere balinesi in un negozio di Ubud – Martina Ricciardiello

Se vi interessa l’argomento, ecco altri post che fanno al caso vostro:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
L'altra faccia di Bali: la sporcizia di cui nessuno parla
A scuola di Batik

9 Risposte

  1. […] Souvenir dall’Indonesia […]

  2. Come posso comunicare in Indonesia e qual e la qualita della connessione Internet?

    • Trovi il wi-fi quasi ovunque, altrimenti puoi comprare una scheda sim indonesiana e usarla per internet, è abbastanza economica

Lascia una risposta